Reme.io: una comoda sveglia online per smemorati

Reme.io è il classico servizio online per smemorati o super indaffarati. Poca memoria, ritardi vari e pigrizia oppure sempre di corsa, mille impegni e mai uno strumento sotto mano per memorizzarsi le scadenze o gli impegni vari.

remeio

In aiuto arriva Reme.io, una pratica sveglia online con un’unica, efficiente funzionalità: ricordarci cosa dobbiamo fare il tal giorno.

Basta impostare il nome dell’evento (o qualsiasi altra cosa serva ricordarsi), la data, l’ora ed inserire un’email dove ricevere l’alert. Ecco fatto.

Preso appunti? O vi siete dimenticati qualcosa…

Annunci

Open Data Engagement: Regione Lombardia fa un ulteriore passo avanti

open_data_REGLOM_1

A due anni dalla sua attivazione (23 Marzo 2012), il portale Open Data di Regione #Lombardia inaugura una nuova fase che offre agli utenti la possibilità di interagire e contribuire al progetto, grazie alle nuove funzionalità disponibili.

UN PASSO INDIETRO: COS’É OPEN DATA E QUALI SONO GLI OBIETTIVI

Regione Lombardia ha lanciato il proprio portale il 23 Marzo 2012 all’interno di una delle iniziative prioritarie della Agenda Digitale Lombarda: la valorizzazione del patrimonio informativo pubblico. Da allora, il portale Open Data della Regione Lombardia si è distinto come uno dei maggiori punti di riferimento in Italia, sia per numero che per qualità dei dati esposti, ma soprattutto per le avanzate funzionalità che offre agli utenti di vario genere (cittadini, sviluppatori, ricercatori, etc.).

Inoltre sempre nel 2012 Regione Lombardia ha organizzato il contest “OpenApp Lombardia” (www.openapp.lombardia.it), un’iniziativa di crowdsourcing volta a promuovere l’utilizzo del portale e a stimolare la creatività digitale.

open_data_REGLOM

LE NOVITÀ PIÙ INTERESSANTI DEL PROGETTO

Oltre a favorire la crescita di utilizzo del portale, le nuove funzionalità consentono di innalzare il livello di qualità dei dati e di arricchirli, grazie all’intevento diretto degli utenti del portale. In particolare, gli utenti possono:

  • fare il rating di un #dataset
  • commentare un dataset
  • segnalare eventuali problemi di un dataset
  • creare un dataset (o meglio una nuova vista a partire da un dataset esistente)

Da non sottovalutare la componente ‘social’ della piattaforma che si rivela estremamente utile in un contesto in cui l’esperienza dell’open data ha bisogno di crescere e di essere percepita come utile dagli utenti. La soluzione prevede un maggior coinvolgimento dei cittadini, facendo leva anche sulla integrazione con i principali social network: è possibile condividere ciascun dataset creatp tramite #Twitter, #Facebook e altri social network.

Insomma, se volete farvi un’idea specifica di cosa si tratti e della bontà del progetto, vi consiglio di consultare direttamente il sito dedicato.

Instant Google Street View: scoprire in pochi secondi le panoramiche di Street View nel mondo

instant_google_street_view

 

Instant Google Street View è un semplice servizio con una funzionalità molto particolare: consente in pochissimi istanti di visualizzare un qualsiasi punto della terra tramite “Google Street View”.

Avete sempre sognato di viaggiare stando seduti comodamente in poltrona, guardando altre località nel mondo? Ora non dovete più sfruttare le potenzialità partendo da Google Maps: con Instant Google Street View sarà possibile bypassare la ricerca.

Digitando una località, un nome di un museo o di una qualsiasi attrazione nell’apposito campo di ricerca, il sistema vi proporrà immediatamente la “vista” desiderata.

instant_google_street_view_milan

Più semplice di così…

via | MakeUseOf

Dati.Comune.Milano: il nuovo portale Open Data del Comune di Milano

E’ online da alcuni giorni il nuovissimo portale Open Data del Comune di Milano: Dati.Comune.Milano dove poter trovare numerose informazioni e dati statistici su differenti aree tematiche.

Fra i principali vi segnalo la conoscenza della popolazione, dei fenomeni economici e della realtà sociale del territorio cittadino.

Gli obiettivi del nuovo portale – come riportato sul sito – sono:

  • favorire la democrazia partecipativa:  rendere i cittadini maggiormente consapevoli  della realtà in cui vivono, effettuando scelte che soddisfano i propri bisogni in modo adeguato;
  • agevolare la ricerca: rendere disponibile una elevata quantità di dati  per gli istituiti di ricerca, i quali possono migliorare la propria attività sia dal punto di vista quantitativo che qualitativo;
  • favorire lo sviluppo di imprese specializzate: permettere alle imprese specializzate del settore di sviluppare appositi sistemi che, rielaborando i dati in maniera opportuna, li rendano appetibili per il mercato.

I dati, fruibili sotto licenza “Creative Commons“, consentono a chiunque di riutilizzare o distribuire il materiale scaricato purché venga citata la fonte dalla quale le informazioni sono state prese.

Come si apre un blog?

Oggi più che mai siamo sommersi dalla sfrenata voglia (e quasi insensata direi) di voler pubblicare in rete ogni minima cosa della nostra vita (privata o meno che sia) tramite post, foto, video, tweet e quant’altro e tramite le più disparate tecnologie come pc, portatili, tablet e smartphone.
Si passa ad esempio da facebook e twitter per condividere la qualunque con amici, parenti e semi-sconosciuti a veri e proprio diari online, i così detti blog.
In pratica il blog è una sorta di diario di bordo, un mini sito web dove pubblicare le nostre esperienze, le idee e le passioni per condividerle con chi legge le nostre pagine. Negli ultimi anni ad esempio, anche grazie alle attuali trasmissioni in TV sulla cucina, si sono aperti migliaia di blog amatoriali sulla realizzazione di ricette e così questi blog si sono trasformati quasi una sorta di ricettario online dove donne di tutto il mondo, ma anche uomini, si sono cimentati nel mestiere di piccoli-grandi chef.
Ma a questo punto nasce spontanea la domanda “Come si apre un blog?”
Aprire un blog può essere più semplice di quanto si pensi e non è importante saper realizzare pagine web in HTML o qualche altro linguaggio di programmazione per la creazione di siti internet.
Esistono infatti appositi siti che ci vengono in aiuto. Io ad esempio conosco questi:
Sono tutte piattaforme per blogger di facile utilizzo e così anche una qualsiasi casalinga (lungi dall’essere una geek) può facilmente gestire online il proprio mini sito!

Oggi giorno tutti abbiamo un lettore MP3, un lettore portatile di media col quale ascoltare le nostre tracce audio preferite mentre si è fuori casa come ad esempio in spiaggia o al parco a fare jogging.

L’unico problema è riuscire ad avere i file MP3 delle canzoni che più preferiamo. Quali sono quindi le migliori risorse del web per eseguire il download delle tracce?

Ci viene in aiuto Siti per scaricare musica, una sorta di veloce guida pratica per trovare le risorse gratuite di internet per scaricare musica gratuitamente e legalmente.

Il sito è suddiviso in 2 sezioni: in una troviamo un metodo per scaricare musica tramite i video di Youtube e nell’altro troviamo alcuni siti che contengono un enorme database di canzoni da scaricare, anche le più recenti!

(si ringrazia Marc Sellier)

Weatherage: condizioni meteo “geeky style”

Weatherage è un curioso servizio che consente di conoscere le previsioni meteo di qualsiasi città del mondo attraverso le ormai celeberrime internet memes, le immagini raffiguranti buffi personaggi caratterizzati ognuno da uno specifico stato d’animo.

Per scoprire che tempo farà, basta selezionare lo stato e la città in cui ci troviamo o dove intendiamo recarci e cliccare “let’s go!“.

Sullo schermo apparirà un meme che raffigura il clima percepito e le temperature massima/minima del giorno (con la possibilità di passare da gradi Celsius a Fahrenheit e viceversa); nella parte sottostante invece sarà possibile conoscere le previsioni meteo per i prossimi 4 giorni.

via MakeUseOf

The Restart Page: i pulsanti “restart” di tutti i sistemi operativi del mondo

The Restart Page è un bellissimo sito che raccoglie in un’unica finestra tutti i pulsanti “restart” dei vari sistemi operativi esistenti e di quelli non più in uso perché obsoleti o troppo vecchi.

Chiunque di noi che ha avuto a che fare con un Mac, un normale PC o un Amiga si sarà trovato di fronte uno di questi pulsanti. Ora non resta che provare a cliccarne uno e vedere cosa succede… Per tutti i vecchi nostalgici che ancora oggi rimpiangono i computer del passato che hanno scritto pagine indimenticabili per ognuno di noi.

via MakeUseOf

Google Maps e NES: il pesce d’Aprile di Google in 8 bit

Anche quest’anno il colosso di Mountain View non si è lasciato sfuggire l’occasione per fare un bel pesce d’Aprile a miliardi di utenti nel mondo.

Google ha infatti lanciato la sensazionale notizia di un suo approdo nel mondo NES e nei videogiochi ad 8 bit; l’ha fatto in grande stile, preparando un bellissimo e divertente video dove si racconta lo sviluppo del gioco e le difficoltà tecniche incontrate per raggiungere lo scopo.

E’ chiaramente bastato poco per comprendere che in realtà si trattava della burla che ogni  anno viene confezionata ad hoc da Google.

Oggi tuttavia non lasciatevi scappare l’opportunità di navigare con Street View in modalità 8 bit e ripercorrere le strade più famose del mondo con l’eroe di Dragon Quest (chi di voi lo ricorda?).

Buon divertimento a tutti!

Musicovery Player: l’app di Musicovery per ascoltare musica in streaming a seconda dell’umore

Musicovery Player è l’app ufficiale di Musicovery che consente di ascoltare sul proprio iPhone tutta la musica che si vuole a seconda dell’umore del momento.

Finalmente anche su iPhone sarà possibile ascoltare in streaming canzoni scelte dall’app in base al nostro stato d’animo.

Musicovery Player annovera una particolare feature: le cosiddette “premium songs”; tali canzoni consigliate, disponibili solamente per i clienti premium, si possono utilizzare unicamente per i primi 30 giorni.

Dopo il periodo di prova l’app funziona ugualmente ma unicamente con la propria playlist precaricata sul sito Musicovery.

Musicovery Player è complementare all’applicazione già presente su App Store – Radio Musicovery – e crea una sequenza musicale specifica in base ai brani presenti nella propria libreria.

L’app è gratuita e si può scaricare su App Store qui.